In Articles

Nella seconda giornata del campionato Fidaf 2017 di Seconda Divisione i Bengals Bengals giocano e divertono il pubblico all’interno delle mura amiche del proprio stadio. La prima partita in casa è l’occasione della squadra bresciana per ritrovare tutti quei tifosi, amici e simpatizzanti che ogni anno seguono con calore le gesta sportive delle tigri.
Kick-off battuto dagli ospiti e palla ritornata per bene dai Bengals fino alle proprie 40 yard. I primi drive dei bresciani fanno avanzare la palla, ma una flag per falsa partenza obbliga le tigri ad arretrare di 5 yard. Sulla successiva azione di gioco, il QB Tinti esce dalla tasca e corre centralmente per circa 15 yard, riuscendo a prendere il primo down. Il pubblico apprezza. I drive successivi permettono ai Bengals di arrivare nella red zone avversaria. Sciolto l’huddle, Il QB consegna palla a Cristiano che corre per linee laterali e arriva in fondo: TD Bengals! L’extrapoint è combinato per due punti, ma purtroppo non viene realizzato. Bengals 6 – Daemons 0.
I Bengals calciano il kickoff e i Daemons ripartono dalle proprie 20 yard. I drive successivi non consentono ai milanesi di ottenere il primo down e sono costretti all’azione di punt dalle proprie 42 yard: un pessimo snap – mancata intesa tra long snapper e kicker – riconsegna la palla ai Bengals in una posizione di forte vantaggio. Il drive bresciano parte dalle 12 yard, la end zone è vicina. L’asse QB-WR funziona bene e Franchi prende al volo un pass teso e preciso da Tinti. TD Bengals! L’extrapoint da due punti viene fermato dalla difesa milanese. Il punteggio cambia: Bengals 12 – Daemons 0. Sotto di due possessi, i Daemons comunque reagiscono e nei drive successivi ottengono il primo down, continuando le azioni di attacco fino ad arrivare nella red zone bresciana. La difesa blu-argento è comunque attenta e obbliga i bianco-rossi ad un field goal dalle 20 yard. Ma è un fake field goal e il portatore di palla si lancia in una corsa laterale che viene comunque fermata. L’ovale torna in possesso dei Bengals, ma il primo quarto si esaurisce con il punteggio di Bengals 12 – Daemons 0 , dopo 27 minuti di gioco.
Nel secondo quarto, le due squadre alternano attacco e difesa varie volte, con gli special team chiamati ad azioni di punt. Da menzionare la bella giocata bresciana in una posizione sfavorevole di terreno e downs. Sulle proprie 20 yard, con 3 e 18 yard per chiudere il down, Tinti pesca il WR Franchi che riesce subito a liberarsi dal proprio marcatore e si invola sulla linea laterale. La sua corsa è incredibile, Franchi rompe un blocco sulle 40 yard avversarie e viene messo giù soltanto dal safety milanese a 10 yard dalla red zone. Circa 60 yard percorse! Il pubblico rumoreggia: Forza Bengals! Forza Daemons! I Bengals sono nuovamente vicini alla meta, ma un errore permette ai Daemons di intercettare l’ovale e ripartire dalle proprie 10 yard. L’attacco milanese comunque perde subito il possesso per merito del safety Driscoll che intercetta un pass laterale. A due minuti dalla fine del secondo quarto c’è tempo ancora per le emozioni. I Bengals sono disposti con la formazione two backs nella red zone milanese. Il Qb Tinti pesca libero il WR Gaggiotti che rompe un blocco e si invola in meta. TD Bengals! Nuovamente l’extrapoint non viene convertito e le due squadre vanno a riposo sul punteggio Bengals 18 – Daemons 0.
Il terzo quarto di gioco vede le due formazioni giocare a viso aperto, senza riguardo per il punteggio. Il pubblico capisce e apprezza l’impegno dei giocatori. Sotto di 3 possessi, i Daemons lottano su ogni palla e danno del filo da torcere ai Bengals, che non riescono a concretizzare le azioni di attacco. In 25 minuti di gioco il possesso dell’ovale cambia 5 volte tra le due squadre. Gli scorers registrano 2 punt, 1 turnover on downs, 1 intercetto (ancora il safety bresciano Driscoll) e un fumble recuperato dai Daemons proprio nella red zone bresciana. Il terzo periodo si chiude con punteggio invariato. Bengals 18 – Daemons 0.
L’ultimo tempo si apre con i Daemons in attacco nella red zone bresciana. Il QB milanese lancia un filante al proprio WR Mondin che realizza senza difficoltà. TD Daemons! L’extrapoint da due viene realizzato con un lancio al WR Petreni. Cambia il risultato. Bengals 18 – Daemons 8. I milanesi ci credono, uno svantaggo di 10 punti si può recuperare se i minuti da giocare sono ancora 12. I Bengals devono prendere le contromisure e stringere i denti se vogliono mettere la prima W in classifica. La situazione è delicata: alcuni giocatori sono chiamati a ricoprire posizioni di attacco e difesa perchè si registrano lievi infortuni tra i bresciani. Bisogna avere cuore e crederci. E infatti i Bengals ci credono e reagiscono. Il kickoff milanese è ritornato da Barbolla fino a 40 yard. Tinti e compagni riescono a muovere la catena con 2 successive chiusure di downs, portandosi quindi nella red zone milanesi. E qui il QB Tinti mette una bella perla sul proprio pagellino. I Bengals schierano la formazione 2 backs e utilizzano una motion per portare 4 WR in attacco. Sullo snap, Tinti chiede a Viviani soltanto di trattenere la palla in end zone. TD Bengals! L’extrapoint non viene convertito. Il punteggio cambia: Bengals 24 – Daemons 8. I restanti minuti della partita scorrono via veloci, non si registrano altre segnature, ma solo l’alternanza del possesso palla per 3 volte ( 1 turnover on downs e 2 intercetti).
I Bengals vincono l’incontro e con il cuore dedicano la vittoria a coloro che hanno seguito la partita non dalle tribune dello stadio “Chico Nova”, ma da una posto speciale e ultraterreno.
Ciao Virgilio! Ciao Stefano!

Source: old site

Seguici!
Post recenti

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca